FAQ

Entro quanto si conclude oggi la mediazione?

Ai sensi della Legge 98/2013, art. 6 comma 1, il procedimento di mediazione ha una durata non superiore ai 90 giorni. Il primo incontro viene fissato a non più di 30 giorni dalla presentazione della domanda di mediazione e la durata media complessiva dei procedimenti è di 60 giorni. Laddove si profili la possibilità di addivenire ad un accordo, le parti possono consensualmente prorogare il termine dei 90 giorni.

In sede di incontro di mediazione l'Avvocato deve essere presente?

L'assistenza dell'Avvocato è obbligatoria esclusivamente nelle ipotesi di c.d. mediazione obbligatoria, ma non anche nelle ipotesi di mediazione facoltativa.
“Chi intende esercitare in giudizio un'azione relativa ad un a controversia in materia di condominio, diritti reali, divisione, successioni ereditarie, patti di famiglia, locazione, comodato, affitto di aziende, risarcimento del danno derivante da responsabilità medica e sanitaria e da diffamazione con il mezzo di stampa, è tenuto, assistito dall'Avvocato, preliminarmente a esperire il procedimento di mediazione,” ai sensi del D.lgs 98/2013 art. 5 comma 1.

Cosa si intende per competenza territoriale?

La domanda di mediazione deve essere presentata mediante deposito istanza presso un organismo nel luogo del giudice territorialmente competente per la controversia (D.lgs 98/2013 art.4 comma 1). A tal proposito Concilia Lex S.p.A., da sempre attenta alle esigenze dell'utente, ha previsto una nuova sezione all'interno del sito, che permette di trovare il Tribunale territorialmente competente del comune di interesse e al contempo le sedi Concilia Lex S.p.A. di riferimento per il deposito delle istanze di mediazione.

Quanto tempo occorre per accreditare una sede operativa?

Così come disposto dalla Circolare 18 settembre 2014, “Informatizzazione registro organismi di mediazione ed elenco enti di formazione”, occorre procedere all’inserimento dei dati della sede da accreditare sulla piattaforma digitale del ministero della Giustizia. Nel dettaglio questi ultimi riguardano: il titolo giuridico che legittima l'utilizzo di ogni sede (proprietà, locazione o comodato); la data di stipula dei relativi contratti; gli estremi di registrazione degli stessi. Una volta finalizzata la richiesta il Ministero provvederà ad emettere i relativi provvedimenti autorizzativi. Da quel momento in poi le sedi risulteranno effettivamente operative.

Quanto tempo occorre per accreditare un mediatore?

Come stabilito dalla Circolare del ministero della Giustizia del 18 settembre 2014 “Informatizzazione registro organismi di mediazione ed elenco enti di formazione” anche per il mediatore occorre procedere all’inserimento dei dati in maniera telematica sulla piattaforma del Ministero. Una volta finalizzata la richiesta quest’ultimo provvederà ad emettere i relativi provvedimenti autorizzativi. Da quel momento in poi il mediatore risulterà accreditato a tutti gli effetti.

E'ancora obbligatoria la materia RCA?

La Legge 98/2013 art. 5 comma 1, ha previsto l'esclusione dall'area di obbligatorietà delle controversie per danni da circolazione di veicoli e natanti, posta anche la presenza di ulteriori e speciali procedure di composizione stragiudiziale di queste controversie; e ha, invece, introdotto tra le materie obbligatorie (quali condominio, diritti reali, divisione, successioni ereditarie, patti di famiglia, locazione, comodato, affitto di aziende, risarcimento del danno derivante da responsabilità medica) la responsabilità sanitaria.

Cosa ha previsto la Legge 98/2013 per gli avvocati/mediatori in tema di formazione?

Ai sensi della Legge 98/2013 art. 16 comma 4 bis, gli Avvocati iscritti all'albo sono mediatori di diritto: devono essere adeguatamente formati in materia di mediazione e mantenere la propria preparazione con percorsi di aggiornamento teorici-pratici a ciò focalizzati. Una volta inseriti nell’elenco dell’organismo, essi dovranno essere in possesso di una specifica formazione ed uno specifico aggiornamento biennale, in riferimento a quanto disposto dalla circolare del ministero della Giustizia del 27 novembre 2013, e nel rispetto di quanto previsto dall’art. 55 bis del codice deontologico forense.

Che cos'è l'incontro informativo programmatico?

L'incontro informativo programmatico permette alla parti, davanti al mediatore, di verificare con il professionista se sussistano o meno, effettivi spazi per procedere utilmente e volontariamente alla mediazione.
Ai sensi della Legge 98/2013, art. 8, comma 1, durante il primo incontro il mediatore chiarisce alle parti la funzione e le modalità di svolgimento della mediazione; invita poi le parti e i loro avvocati ad esprimersi sulla possibilità di iniziare la procedura di mediazione e, nel caso positivo, procede con lo svolgimento. Dalla mancata partecipazione senza giustificato motivo al procedimento di mediazione, il giudice può desumere argomenti di prova nel successivo giudizio (ai sensi dell'art. 116, comma 2, del codice di procedura civile). Il giudice condanna la parte costituita che non ha partecipato al procedimento senza giustificato motivo, al versamento all'entrata del bilancio dello Stato, di una somma di importo corrispondente al contributo unificato dovuto per il giudizio.

Quali sono i costi di mediazione?

Al momento del deposito dell'istanza di mediazione la parte e/o il legale deve corrispondere all' ODCle relative spese di gestione della procedura, pari ad € 40,00 + iva, se il valore della controversia è inferiore a € 250.000,00 oppure € 80,00 + iva se è superiore a € 250.000,00 e il relativo costo per le spese documentate (spese di comunicazione € 10,00 iva inclusa, per ogni convocazione) .
Al primo incontro informativo:

  • se la parte invitata compare (previa adesione e versamento di € 40,00 + iva o € 80,00 + iva), il mediatore valuta con entrambe le parti il proseguimento della mediazione; se una delle parti non intende proseguire, il mediatore redigerà regolare verbale negativo e nessuna indennità aggiuntiva è dovuta all'Organismo;
  • se le parti coinvolte manifestano la volontà di proseguire, dovranno entrambe integrare le indennità, cosi come previsto dal DM 180/2010, in riferimento allo scaglione corrispondente al valore della controversia e la maggioranza del 25% dell'indennità per il buon esito. In caso di mancato accordo, le parti dovranno comunque versare l'indennità prevista per il valore della controversia.

Si rimanda comunque alla pagina con le nostre tabelle e il calcola tariffe per un dovuto approfondimento.

In materia condominiale, chi è legittimato passivo in ordine alla mediazione?

In quest'ipotesi, l'istanza va rivolta all'amministratore pro-tempore se si tratta di parti comuni e condominiali. L'amministratore è esonerato dalla convocazione nell'ipotesi in cui la controversia riguarda i soli condomini (ad es. infiltrazioni tra due condomini, nel caso di specie trattasi di mediazione volontaria).

Quali sono i benefici fiscali del procedimento di mediazione?

L'art. 20 del D.lgs. 28/2010, prevede il credito d'imposta: alle parti che corrispondono l'indennità ai soggetti abilitati a svolgere il procedimento di mediazione presso l'organismo, è riconosciuto, in caso di successo della mediazione, un credito d'imposta commisurato all'indennità stessa, fino a concorrenza di € 500,00; in caso di insuccesso, il credito d'imposta è ridotto della metà. Ai fini del credito d'imposta, dovrà esserci piena corrispondenza tra le parti in mediazione ed i soggetti in favore dei quali viene rilasciata la fattura.

Una volta ricevuta una convocazione in mediazione è obbligatorio partecipare?

Da un punto di vista giuridico, non esiste un obbligo alla partecipazione quando si è convocati ad una mediazione. Ma nonostante ciò, per evitare le lungaggini processuali e gli inutili costi legati ad una causa, si consiglia vivamente di aderire e partecipare per tentare di giungere ad una composizione bonaria della controversia. Si tenga presente l'art. 8, comma 5, D.M. 28/2010, in cui si sottolinea che: “ Il giudice condanna la parte costituita che, nei casi previsti dall'art. 5 (med. obbligatoria) non ha partecipato al procedimento senza giustificato motivo, al versamento all'entrata del bilancio dello Stato di una somma di importo corrispondente al contributo unificato dovuto per il giudizio”.

Qual è la procedura da seguire per avvalersi del gratuito patrocinio?

Chi intende avvalersi del gratuito patrocinio deve necessariamente scaricare dalla sezione modulistica del nostro sito il modulo di dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà. A tale documento andranno allegati: certificato di residenza, stato di famiglia, dichiarazione dei redditi dell’anno precedente con relativa ricevuta di trasmissione dell’istante e di ogni eventuale componente della famiglia..

Qual è la procedura da seguire per richiedere un incontro di mediazione in modalità telematica?

Per richiedere un incontro di mediazione in modalità telematica è necessario innanzitutto essere in possesso di tali requisiti: postazione collegata ad internet con webcam; microfono e casse/cuffie audio, con un browser attivo; casella di posta elettronica certificata (PEC) kit e certificato di firma digitale. Per i dettagli sulla procedura scarica il modulo .

Qual è la procedura da seguire per il deposito di un’istanza online?

Per depositare un’istanza online il primo passo da compiere è quello di inserire sulla nostra piattaforma le informazioni generali riguardo all’oggetto della controversia, insieme con i dati anagrafici dei proponenti, degli eventuali difensori e/o assistenti e delle parti invitate. Una volta fatto ciò bisogna scaricare la ricevuta di deposito, sottoscritta dalla parte e dall'avvocato richiedente, e restituirla a mezzo e-mail alla segreteria di Concilia Lex S.p.A..

Tutta la disponibilità e l'efficienza del Team Concilia Lex!

La Concilia Lex S.p.A. mette a disposizione dell’utente, tutta la disponibilità ed efficienza, di personale altamente qualificato, per rispondere ad ogni problematica relativa alle attività svolte ed ai servizi erogati dalla società.

E’ possibile chiamare il nostro centralino al n. verde 800 482977 per parlare con una nostra operatrice, che saprà fornire tutte le risposte alle vostre domande, dalla gestione di una pratica, alla presentazione di un’istanza oppure semplicemente ricevere informazioni sugli orari d'ufficio.

Non esitare, contattaci!

Lascia i tuoi dati e un nostro esperto ti ricontatterà presto

Cliccare sul check di controllo

*Inviando accetti la Politica sulla Privacy