• Sei qui:
  • Home >
  • News >
  • Una riflessione sulla mancata partecipazione in mediazione

Una riflessione sulla mancata partecipazione in mediazione

Una recente decisione del Tribunale di Verona, al di là dell’ormai prevedibile e vigente sanzione per la mancata partecipazione al tentativo di mediazione,ci induce a fare una particolare riflessione sull’utilità dell’istituto sotto il profilo strategico difensivo.
Nella sentenza in commento, avente ad oggetto un giudizio ordinario conseguenza di un atto di intimazione di sfratto per morosità, il conduttore non aderisce alla mediazione, o meglio probabilmente decide di non parteciparvi poiché nelle more del giudizio paga i canoni arretrati, ritenendo, su probabile impulso del suo legale, “cessata la materia del contendere”.
Invece il giudice scaligero, nonostante tale acclarata circostanza, accoglie la domanda del locatore avente ad oggetto la risoluzione del contratto di locazionee ai sensi e per gli effetti ex artt. 1455 e 1587 c.c.e art. 5 L. 392/78, stante la gravità dell’inadempimento (oggettivamente verificatosi) nonostante il tardivo inadempimento, con ulteriore condanna al pagamento in favore dell'Entrate del Bilancio dello Stato della somma corrispondente al contributo uni/2017.

Tale decisione, probabilmente non ci sarebbe stata in caso di mediazione, poichè quella opportunità (la mediazione) deliberatamente abbandonata, poteva essere l’occasione per rivisitare quel rapporto e magari mantenerlo in vita su presupposti differenti: del resto, l’aver saldato tutti i canoni arretrati poteva essere un facta concludentia in tal senso.
Invece la controversia, rimanendo nel contesto processuale non ha fatto altro che alimentare l’avversarialità e quindi la fine (anche secondo legge) del rapporto locativo. La vicenda ci deve far riflettere su quanto sia importante un atteggiamento strategico più ampio per analizzare ed affrontare la controversia a 360 gradi e non solo nell’ottica monoculare prettamente giudiziale e causidica.



Per leggere la sentenza integrale vai nella sezione Giurisprudenza del nostro sito web, oppure clicca qui.

A cura del Responsabile Scientifico Concilia Lex S.p.A. Avv. Pietro Elia

Tutta la disponibilità e l'efficienza del Team Concilia Lex!

La Concilia Lex S.p.A. mette a disposizione dell’utente, tutta la disponibilità ed efficienza, di personale altamente qualificato, per rispondere ad ogni problematica relativa alle attività svolte ed ai servizi erogati dalla società.

E’ possibile chiamare il nostro centralino al n. verde 800 482977 per parlare con una nostra operatrice, che saprà fornire tutte le risposte alle vostre domande, dalla gestione di una pratica, alla presentazione di un’istanza oppure semplicemente ricevere informazioni sugli orari d'ufficio.

Non esitare, contattaci!

Lascia i tuoi dati e un nostro esperto ti ricontatterà presto

Cliccare sul check di controllo

*Inviando accetti la Politica sulla Privacy