• Sei qui:
  • Home >
  • News >
  • Essere Mediatore significa essere “Un Artigiano della Pace”

Essere Mediatore significa essere “Un Artigiano della Pace”

Essere Mediatore significa essere “Un Artigiano della Pace”
di Vinicio Marchetti
Addetto Stampa CONCILIA LEX

Essere mediatore significa divenire un “artigiano della pace”, non nelle singole eccezioni, ma quotidianamente e in ogni momento. Per far si che la procedura di mediazione raggiunga lo stato di conciliazione occorre rivolgersi alla figura in grado di svolgere l’esigenza richiesta come una vera e autentica professione: il mediatore.

Il mediatore (o conciliatore) si occupa di lavorare in condizioni di imparzialità all’interno dei conflitti. Il suo obiettivo è quello di dirimere una lite insorgendo tra le parti. La sua principale attività, essenzialmente, consiste nel risolvere i conflitti ottenendo, in tempi brevi, la giusta risoluzione senza dover ricorrere alla via giudiziaria.

Come occorre fare per diventare Mediatore Civile?
Per svolgere questa professione, occorre essere in possesso di alcuni importanti requisiti professionali. Primo fra tutti, neanche a dirlo, il diploma di laurea triennale o, in alternativa, essere iscritti a un ordine o un collegio professionale. Stiamo parlando, infatti, di una professione molto interessante ma anche profondamente delicata e da svolgere con cura. I mediatori in auge, infatti, possono sfruttare questa occasione per avere importanti opportunità di lavoro. Requisito fondamentale, però, è una costante formazione di base in cui vengono adottate capacità specifiche per poter risolvere i conflitti.

Notevoli, ovviamente, sono anche gli obblighi del mediatore civile. Fondamentale, infatti, è che non si lavori per più di cinque organismi di mediazione. Una violazione in tal senso significa realizzare un illecito disciplinare per tutti i soggetti iscritti in un albo professionale o come pubblico dipendente. D’altro canto qualsiasi ente o organismo di mediazione che non sia la camera di commercio e un organismo camerale, deve ricevere la disponibilità di, almeno, cinque conciliatori.

Il ruolo del mediatore civile va svolto con diligenza, con correttezza, va rispettato sempre il ruolo della riservatezza in tutte le questioni personali apprese per ragioni di servizio. Non è possibile assumere alcun obbligo direttamente connesso agli affari trattati e, cosa molto importante, non può percepire compensi diretti dalle parti senza la mediazione dell’organismo di mediazione presso il quale lavora.
Il mediatore sarà imparziale e giusto. Questo, sicuramente, deve essere il passaggio principale che consentirà la giusta conciliazione.

Tutta la disponibilità e l'efficienza del Team Concilia Lex!

La Concilia Lex S.p.A. mette a disposizione dell’utente, tutta la disponibilità ed efficienza, di personale altamente qualificato, per rispondere ad ogni problematica relativa alle attività svolte ed ai servizi erogati dalla società.

E’ possibile chiamare il nostro centralino al n. verde 800 482977 per parlare con una nostra operatrice, che saprà fornire tutte le risposte alle vostre domande, dalla gestione di una pratica, alla presentazione di un’istanza oppure semplicemente ricevere informazioni sugli orari d'ufficio.

Non esitare, contattaci!

Lascia i tuoi dati e un nostro esperto ti ricontatterà presto

Cliccare sul check di controllo

*Inviando accetti la Politica sulla Privacy