• Sei qui:
  • Home >
  • News >
  • Attendere conviene. La mediazione avrà la sua rivincita

Attendere conviene. La mediazione avrà la sua rivincita

Attendere conviene. La mediazione avrà la sua rivincita
di Arianna Attianese
Addetto Marketing CONCILIA LEX

Nel pomeriggio di ieri, a Roma, presso l’aula Giovanni Nocco dell’Università LUISS Guido Carli, si è tenuta una tavola rotonda intitolata “Il peso della durata del processo nello sviluppo economico. Adr e misure alternative alla giurisdizione”, durante la quale il Ministro della Giustizia Paola Severino ha rilasciato dichiarazioni che fanno ben sperare per l’istituto della mediazione civile e commerciale.

Al convegno hanno preso parte anche altre personalità istituzionali, fra cui il Ministro delle Politiche agricole e forestali Mario Catania, il sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri Antonio Catricalà, la Senatrice Anna Finocchiaro e l’Onorevole Francesco Boccia.

Nel corso del convegno, il Ministro Paola Severino ha argomentato la sua posizione in merito alla dichiarazione di incostituzionalità dell'obbligatorietà della mediazione, spiegando che:"occorre attendere le motivazioni per costruire la norma in maniera diversa oppure reintrodurla in forma corretta secondo le motivazioni della Corte Costituzionale e molto probabilmente la norma verrà riformulata su alcuni aspetti in relazione all'esperienza di questi due anni".

Le affermazioni del Guardasigilli sono state condivise all’unanimità da tutti i membri del convegno, i quali hanno confermato la loro volontà di portare avanti il progetto sulla mediazione; la stessa Senatrice Anna Finocchiaro con un suo intervento ha voluto sottolineare che non è loro intenzione apportare modifiche all'istituto della mediazione se non prima di aver letto le motivazioni della Corte Costituzionale, con la consapevolezza di dover intervenire per rettificare gli elementi di criticità trapelati dalla normativa che sorregge l’istituto della mediazione.

Il Ministro della Giustizia è ottimista ed è sicuro di poter trovare nella sentenza la chiave per migliorare l’istituto della mediazione e dare finalmente un nuovo volto alla giustizia italiana. “Sarebbe stato davvero un controsenso se dopo un anno di discorsi pro-mediazione, il Ministro della Giustizia avesse accantonato questo progetto", spiega la Dott.ssa Maria Rosaria Ferrara, amministratore delegato della Concilia Lex S.p.A., "il suo silenzio, oggi, è più chiaro e trova le sue ragioni nel fatto di non voler scavalcare la Corte Costituzionale, bensì preferisce leggere la sentenza per poi agire nell’interesse di preservare l’esistenza dell’istituto della mediazione nel nostro ordinamento giuridico. Condivido il suo pensiero e spero che vengano stabilite misure correttive volte ad innalzare il livello qualitativo degli organismi di mediazione, degli enti di formazione e dei mediatori.”

L’organismo di mediazione ed ente di formazione Concilia Lex S.p.A., con sede legale a Nocera Inferiore in provincia di Salerno, ha sempre un orecchio proteso verso il mondo e uno sguardo proteso verso nuovi orizzonti da esplorare, crede fermamente nei suoi progetti e non ha nessuna intenzione di abbandonare ciò che ha iniziato!

Tutta la disponibilità e l'efficienza del Team Concilia Lex!

La Concilia Lex S.p.A. mette a disposizione dell’utente, tutta la disponibilità ed efficienza, di personale altamente qualificato, per rispondere ad ogni problematica relativa alle attività svolte ed ai servizi erogati dalla società.

E’ possibile chiamare il nostro centralino al n. verde 800 482977 per parlare con una nostra operatrice, che saprà fornire tutte le risposte alle vostre domande, dalla gestione di una pratica, alla presentazione di un’istanza oppure semplicemente ricevere informazioni sugli orari d'ufficio.

Non esitare, contattaci!

Lascia i tuoi dati e un nostro esperto ti ricontatterà presto

Cliccare sul check di controllo

*Inviando accetti la Politica sulla Privacy